Violeta Urmana  - Sopran - informe de prensa
Violeta Urmana retrato

Io fui cosi rapita al sol
mirarlo in volto.

Vincenzo Bellini, Norma

Violeta Urmana - notas

IL TROVATORE – Arena di Verona

Reviews about IL TROVATORE – Arena di Verona - 6, 10, 13, 26.August 2016

Gli amici della musica

Perla tra le perle è stata senza dubbio l’interpretazione del mezzo soprano Violeta Urmana nel ruolo di Azucena; già Verdi aveva visto un tale personaggio come quello realmente scolpito dell’opera, fascinosamente ambiguo nel suo rapido trapasso da stati di allucinata tensione a momenti di fredda lucidità. Dotata di spiccate doti drammatiche che sono richieste al personaggio, la nostra interprete ha saputo affrontare sia con dovizia scenica e interpretativa che con la sua grintosa vocalità, i numerosi alternarsi di stati d’animo contrastanti, che oscillano tra tetre cantilene e scatti impulsivi, meste canzoni e terrificanti ossessioni; ogni passaggio ha trovato sempre la giusta collocazione vocale. Le melodie basate per lo più su frasi brevi e nervose, hanno trovato nella Urmana un terreno solido su cui approdare non essendo mai venuto meno un grandissimo pathos interpretativo ed un’emissione ben proiettata che arrivava diretta e nitida all’orecchio dell’ascoltatore.

GBOpera Magazine , 07.08.2016

La vecchia zingara demente intorno alla quale si muovono gli eventi è senza alcun dubbio uno dei personaggi più complessi e controversi del panorama verdiano e chi sembra averlo capito molto bene è proprio la sua interprete, Violeta Urmana, Azucena ormai ben più che affermata e in grado di dare un taglio personale alla vera protagonista dell’opera. La pasta vocale è davvero notevole, come anche il volume e la facilità in acuto: il registro di petto non mostra cedimenti e le risoluzioni adottate nei passaggi non risultano mai dozzinali. Nel complesso, una performance all’altezza delle migliori aspettative, anche dal punto di vista scenico: Violeta Urmana ci fa sentire le chiome drizzarsi ancor per la passione con cui racconta l’antefatto della trama (in un superbo Condotta ell’era in ceppi) al figlio Manrico.

MTG Lirica, 06.08.2016

Così Violeta Urmana è una Azucena coinvolta e consapevole la cui interpretazione trova ancora spunti per stupire grazie ad una voce rotonda e generosa .

REMweb.it-Appassionati di cultura

Nulla da eccepire sulla Azucena di Violeta Urmana, capace di regalare emozioni a livello interpretativo e sempre all’altezza dal punto di vista vocale.

MyWhere.com , 13.08.2016

Il Trovatore, Violeta Urmana magnifica Azucena a Verona
Azucena è il fulcro attorno al quale l’azione si muove e trova nell’ottima interpretazione di Violeta Urmana piena corresponsione. Brillante, precisa con uno stupefacente controllo dei fiati e una padronanza scenica evidente, riesce a dare un’esecuzione impeccabile; tanto più encomiabile, considerato come cantare in Arena sia una prova piuttosto complessa, soprattutto viste le condizioni climatiche avverse la sera della recita. Eppure l’artista lituana non ha per così dire sbagliato un colpo.

OperaClick , 06.08.2016

Violeta Urmana disegna un’Azucena vocalmente poderosa e finemente rifinita nel fraseggio e negli accenti.

Ierioggidomaniopera, 08.08.2016

Azucena era la grande Violeta Urmana, che ritorna ad uno dei ruoli che l’hanno resa celebre. Il suo ritratto della zingara è memorabile, con una presenza teatrale eccellente e una prestazione vocale di livello superbo. Non sapremo quale momento scegliere della sua interpretazione, poichè tutto è stato formidabile, grazie ad un accento scaltrito e una naturale eleganza della cantante, che possiede il vero carisma dell’artista.


por favor consulte la pagina web inglesa o italiana!